Marzo, la lacrima della vite annuncia la primavera

Con l’arrivo del mese di marzo, nei vigneti la potatura è ormai terminata: è giunto il momento di arieggiare il terreno per prepararlo all’avvento dell’imminente primavera. Fra non molto, sui tralci delle viti apparentemente secchi compariranno le prime gemme, che verso fine mese si tramuteranno in germogli e successivamente in pampini e grappoli.

Un ciclo che si ripete inalterato ogni anno; un suo eventuale anticipo o ritardo di qualche giorno è dovuto all’andamento della stagione primaverile, che non sempre si presenta con la medesima puntualità. Dal punto di vista del viticultore, l’anno non segue il comune calendario, perché il suo inizio coincide con il termine della vendemmia e la sua fine con la conclusione della vendemmia successiva.

Marzo

In marzo siamo pertanto a metà dell’annata, ed è questo il periodo in cui si verifica un suggestivo fenomeno: la cosiddetta “lacrima della vite”.

Dal punto di vista pratico, si tratta semplicemente della cicatrizzazione dei tralci amputati, attraverso la produzione di una resina ricca di minerali e zuccheri, più o meno abbondante e visibile a seconda dell’esposizione della pianta e di altri mutevoli fattori. Si tratta di un evento molto particolare, ed era inevitabile che la tradizione popolare gli attribuisse specifiche proprietà. Per esempio, si tramanda che i tralci che piangono di più porteranno più grappoli, e che la lacrima abbia facoltà curative, per esempio contro i disturbi intestinali o la congiuntivite. Anticamente, in primavera le donne si aspergevano il viso con qualche sua goccia, convinte che avrebbe donato al loro colorito.

In realtà, anche recenti ricerche lo hanno confermato: la lacrima della vite ha effettivamente delle specifiche proprietà anti infiammatorie, anti microbiche e disintossicanti.

Fra mito e realtà, si tratta comunque del fenomeno che caratterizza questo periodo precedente la gemmazione, e presto i nostri vigneti saranno nuovamente rigogliosi. Anche per noi Follador, il benessere delle piante è un fattore di assoluto primo piano, un bene che ci impegnamo a salvaguardare anche attraverso una condotta attenta alla salvaguardia ambientale, per mantenere intatta la fragranza e il profumo dei nostri eccellenti Prosecchi DOCG.

Quality you recognized.

Follador Prosecco
Via Gravette, 42
31010 Col San Martino Treviso – Italy
P.I. IT00533430260
info@folladorprosecco.com

Iscriviti e ricevi gli ultimi aggiornamenti via mail. Inserendo nome e cognome ci aiuterai a non inviare email doppie. Seleziona Italiano o Inglese per ricevere la newsletter nella tua lingua. Cliccando su ISCRIVITI dichiari di accettare la nostra Privacy Policy
© 2019 Follador Diritti Riservati
  • Utilizzeremo i dati raccolti per soddisfare la tua richiesta.Privacy Policy.